A distanza di cinque anni tornano anche i Justice. Il successore di Audio, Video, Disco s’intitolerà Woman verrà pubblicato il 18 novembre per Ed Banger Records e Because Music. Dopo aver esordito nel lontano 2007 con † (Cross) – nominato al Grammy e celebrato da critica e pubblico – il duo elettronico parigino ha remixato numerosi pezzi grossi della musica attuale, creando ad ogni nuova uscita un notevole hype attorno a sé. I due singoli rilasciati fino ad ora (Safe and Sound e Randy) fanno capire che si tratterà di un LP in qualche modo pivotale, in cui Gaspar Augé e Xavier de Rosnay cercheranno di mutare l’idea che nel tempo ci siamo fatti su di loro.

Randy ha un impianto decisamente elettro-funk, alla cui base pulsa un beat industrial alleggerito dalla voce in falsetto di Morgan Phalen dei Diamond Nights, che ritorna a collaborare coi francesi dopo un paio di brani contenuti nell’ultimo disco. Scintillante e leggera, si muove su un avvolgente groove disco ed è dotata di una struttura pop che guarda agli anni ’70, fatta di tastiere synth e archi. Forse richiama alla mente atmosfere un po’ troppo vicine agli ultimi Daft Punk e (se vogliamo) Tame Impala, ma comunque scivola via facile per oltre sei minuti riuscendo a parlare sia alla pancia sia al cervello di chi ascolta.

Il video diretto da Thomas Jumin è stato girato in tempo reale sull’audio della traccia. Mostra un’installazione consistente in un vidiwall composto da ben 25 schermi interconnessi – i famosi Crt Trinitron Sony, in particolare quelli del 1987 – su cui compare il testo della canzone unito ad immagini naturali ed artificiali. L’idea alla base del progetto del visual artist deriva dall’estetica dei live della band, allo stesso tempo potente e minimalistica. Non ci resta che attendere poco più di un mese per conoscere i nuovi Justice.