Sumach Ecks se ne esce con un album tutto nuovo sull’inglese Warp, etichetta che dal 1989 sforna release di un certo calibro, scoprendo e lanciando molti degli artisti più longevi e influenti del panorama electro. E’ il secondo artista che vi proponiamo (dopo Aphex Twin della scorsa settimana), proveniente da questa scuderia di tutto rispetto, che oltre ai sopra citati, comprende gente del calibro di Flying Lotus, Boards of Canada e Squarepusher. “Callus”,questo il nuovo album di Gonjasufi, uscirà il 19 agosto e comprende 19 tracce, 4 delle quali sono già fuori in anteprima. The Kill, Prints of Sin, Maniac Depressant e Vinaigrette.

Le prime tre si presentano in perfetto stile Gonjasufi, dove distorsione è la parola d’ordine e avvolge tutto, dalla ritmica alla voce, quello stile a cui ci ha abituato con “Sufi and the killer”. Vinaigrette invece mostra il lato più (oserei dire) pop di Sumach. Il video vede Joe Nankin alla regia e le scene sembrano richiamare il Linch degli anni d’oro dove si succedono scene surrealiste, oniriche e a tratti angoscianti; come, in fondo, la sua musica.