Chitarra pizzicata dolcemente, voce quasi sussurrata e ritmi delicati, con un tocco di elettronica ogni tanto. E’ così che Benjamin Francis Leftwich si esprime, ed è così che creò “Last Smoke Before The Snowstorm”nel 2011 (raggiungendo la posizione 35 in Inghilterra). Lo scorso 19 agosto è uscito, dopo 5 anni, il suo nuovo album “After The Rain”che racchiude quelle sonorità soavi, leggere, morbide, a cui ci ha abituati con il suo primo LP. Pubblicato dall’inglese “Dirty Hit”, (che annovera tra il suo roster i “The 1975” già ospiti in passato di questa rubrica), etichetta indipendente ma distribuita da Universal.

Un album nato in un periodo buio della sua vita dove, in seguito alla perdita del padre per un brutto cancro, Benjamin si chiude nella loro vecchia casa nel tentativo di distruggere se stesso. Si sente il cuore e si sente la forza di risalire, sia dalle parole che dalle sonorità, che nascono lente per poi salire fino all’apice dalle sfumature electro.  Tilikum ha un impronta ballad, con i suoi ritmi pacati,  il testo narrativo e parole d’amore. Riesce ad instaurare con chi lo ascolta, un rapporto intimo, diretto, sia che tu lo abbia li davanti a cantare sul palco, sia che tu lo stia ascoltando passeggiando con le cuffiette. E’ una traccia che scorre via leggera, forse una delle migliori di un album che però si muove tra alti e bassi.