Fin qui non si può dire che non ci siamo divertiti. Già in questa rubrichetta e su altre pagine vi abbiamo raccontato con rigorosa puntualità ed efficacia, si spera, il meglio di ciò che si muove sul panorama musicale internazionale. Un’annata fatta di sfarzose produzioni, grandi ritorni, hype d’acciaio, tour faraonici e festival onirici. Come sapete WMag è anche tanto altro, e ogni giorno cerca di selezionare dal sottosuolo ciò che di più meritevole dovrebbe arrivare alle nostre, alle vostre orecchie. Senza la presunzione che tutto il resto non vada bene, beninteso!

Sviolinate a parte, con l’aiuto di Antonio, nota firma da queste parti, abbiamo qui voluto fare un recap del meglio che l’underground ha riservato fin oggi in questo 2017. Di alcuni avete già sentito parlare anche in recensioni qui dedicate, probabilmente sapete già tutto e avete pure visto gli artisti in questione in qualche bel festival estivo, ma è giusto serrare le fila e riordinare le idee.

Di seguito quindi i 10 pezzi irrinunciabili con taglio squisitamente Lo-Fi (che non sta per Lodi-Firenze ndr) di questo 2017 da ascoltare durante un tramonto estivo pensando all’abbronzatura che ancora non vi siete presi, e forse non avete nemmeno intenzione di prendervi. Buon ascolto!