A tre anni di distanza dal fortunato Earthbeat (WWNBB, 2014) tornano i pesaresi Be Forest, dopo aver annunciato la ristampa del loro sorprendente album di debutto Cold (WWNBB, 2011), uscito il 13 ottobre sempre per We Were Never Being Boring. La presentano in un mini tour italiano di quattro date, noi siamo stati a quella di Milano.

Manco a dirlo, in una serata milanese di metà novembre inoltrata la temperatura non è certo delle più miti. Cold è il disco perfetto da ascoltare in un sabato sera come questo. L’occasione si fa ancora più ghiotta perché il gruppo di Pesaro Be Forest, Nicola Lampredi (chitarra), Erica Terenzi (voce, batteria) e Costanza Delle Rose (voce, basso), torna a Milano per riproporlo dal vivo nella sua interezza, insieme ad altre chicche del repertorio e qualche anticipazione del prossimo disco. Cold all’epoca della sua pubblicazione stupì e convinse critica e pubblico con la sua azzeccata formula di shoegaze e dream pop cui il riferimento più immediato poteva essere, giusto ma limitante, i primi Cure di Seventeen Seconds. L’inverno della provincia pesarese ricorre nei feedback delle loro inquiete chitarre, rimbalza dentro i loro cupi tamburi, scintilla nei gelidi riverberi di quella voce. Un suono dall’equilibrio perfetto, tra la misura del freddo assoluto e la passione piena delle loro canzoni.

La decisione di ristampare Cold nasce dalle innumerevoli richieste dei fan accumulate negli anni per far sì che il disco tornasse disponibile in catalogo. Un regalo sia per gli appassionati che per i nuovi ascoltatori, che potranno così (ri)scoprire l’album in questa nuova veste in vinile 12” che prevede la tracklist originale insieme ad alcune novità, ossia la rielaborazione grafica dell’artwork e un flexi-disc contenente una bonus track.

I ragazzi si presentano sul palco in silenzio e attaccano subito la strumentale NTR. Da lì è un susseguirsi di reminiscenze attraverso tutti i brani di Cold: le più iconiche Wild Brain e Buck & Cow dove la tempesta chitarrista di Nicola Lampredi è attentamente sostenuta dai timpani marziali di Erica e dalle pennate di basso di Costanza, la corsa di Your Specters, la tetra Screaming Prayers. Dopo un breve encore Costanza ringrazia timidamente lasciandoci ben sperare per il terzo lavoro che vedrà la luce nel 2018.

I Be Forest porteranno di nuovo in scena Cold nei prossimi weekend: il 25 novembre al Glue di Firenze e l’1 dicembre al Covo Club di Bologna.