Primo gennaio. Stavate preparando, o pensando di preparare, la famosa “lista dei buoni propositi” per il 2018?

Non fatelo. Quest’anno WM vi fa un regalo e vi mette davanti al fatto compiuto: le liste degli anni precedenti le avete usate per scriverci dietro la lista della spesa. L’unica lista sulla quale si consiglia di fare affidamento.

  • Tanto a Gennaio mi iscrivo in palestra

Okay, le cose stanno così: se non vi siete ancora iscritti in palestra fino ad ora avete scarsissime possibilità di farcela nei prossimi giorni. È una legge matematica. Praticamente funziona così: più si ha bisogno di sottoscrivere quel maledetto abbonamento, più almeno uno dei seguenti fattori sarà d’ostacolo:

  1. Lavoro
  2. Studio
  3. Netflix

Forse è meglio iniziare a familiarizzare con la vostra nuova pancia dall’inconfondibile design Bauli®.

  • Quest’anno faccio ordine nella mia vita

Il problema di chi asserisce questa frase è che spesso non sa nemmeno come riordinare il proprio cassetto dei calzini. Anzi, non sa nemmeno che esiste. Tranquilli, WikiHow vi viene efficacemente incontro: Come rimettere ordine nella propria vita in 17 passaggi .

  •  Seguire uno stile di vita sano

Alzarsi la mattina almeno un’ora prima per andare a correre, non esagerare con gli alcolici, smettere di fumare e andare a dormire presto. Tutto sommato non dovrebbe essere tanto difficile, il vero problema è non farlo solo per un giorno. Che di solito coincide sempre con il giorno post-sbornia.

  • Da domani dieta!

Questi sono teneri. La dinamica del dietista convinto ha degli step ben precisi che lo portano a smentirsi e tornare a mangiare come un ippopotamo in breve tempo, il primo di questi è sicuramente il “Mangio sano sei giorni alla settimana, ma il settimo mi concedo qualche lusso”. Di solito, il tempo stimato affinché queste persone tornino a ingurgitare anche tombini di ghisa sette giorni su sette è di 15/20 giorni. Bisogna rassegnarsi al fatto che l’unica dieta funzionante è quella del dottor Birkenmeier.

  • Smettere di stare troppo sui social

Questo buon proposito è per forza di cose molto in voga tra i millenials. Con Instagram, Facebook, Twitter, Pintarest, Tumblr (certi amori non passano mai), non ci può essere quiete da social network.  Black mirror docet, si sta andando verso un futuro abbastanza inquietante, ma già il presente lo è di per sé quando si arriva a voler provare a smettere con i social. MA CHE SEI MATTO? Dove la vai a prendere poi la tua dose di autocompiacimento, approvazione altrui e senso di integrazione? Per non parlare del profondo senso di compagnia che ti può dare lo scorrere della home di Facebook.

  • Essere felice delle piccole cose

E comprarsi il libro dello Hygge, giusto? Siamo degli sporchi consumisti che vivono in un mondo di consumismo, di cui fanno parte anche i duemila libri sullo Hygge esposti nelle librerie a 19€, per la cronaca. Nonostante ciò, non è la nostra natura consumista ad essere di intralcio. Si deve calcolare che sì, si può  essere felici per le piccole cose, ma sono le grandi “fonti di nervosismo” a rendere difficile l’assimilazione della gioia per una tisana davanti al fuoco.

  • Mettere da parte soldi per un viaggio

Se si mettesse da parte una cifra irrisoria ogni giorno, si arriverebbe ad avere i soldi necessari per un viaggio,  a fine anno. Ma comprarsi uno di quei salvadanai molto Tumblr  per infilarci dentro gli spicci che avanzano dalla spesa però, può far arrivare al massimo a potersi fare un bel gruzzoletto da giocarsi alla tombolata di famiglia del 24 dicembre.

  • Smettere di procrastinare

Voler smettere di procrastinare, oltre a essere un proposito molto radical chic, fa anche male alla salute. Infatti nella maggior parte dei casi si procrastina per l’ansia di dover fare una determinata cosa, non per pigrizia. Se si procrastina abbastanza a lungo da far passare l’ansia, tutto viene fatto al meglio, dicono. Rimettetevi pure comodi nella vostra comfort zone e fate partire il prossimo episodio Netflix.

  • Liberarsi del superfluo

Le case prima o poi diventano sempre ricettacolo di un sacco di cose inutili e senza senso se non si pone la giusta attenzione quando si fa visita a Tiger. Nessuno potrebbe mai mettere in dubbio l’utilità e la finezza estetica di un vaso a forma di ananas dorato, ma arriva sempre il momento in cui si vede qualcosa di ancora più superfluo, insensato e probabilmente antiestetico (vedere sotto la voce: vaso a forma di fenicottero) da mettere in dubbio cosa sia inutile e cosa lo sia ancora di più.

Insomma, unico vero proposito consigliabile per il 2018: non fare buoni propositi.

Distinti auguri per un gioioso e spettabile anno nuovo.