Coloring Book.
Ecco a me vengono in mente quei libri da colorare da bambini che si vendono in edicola, brutti e vecchi. Capitemi lavorando in un chiosco e vedendoli tutti i giorni si può chiamare “deformazione professionale”, ma per fortuna quei libretti non ci azzeccano niente col tema di questo articolo; eh già perchè Coloring Book è anche il primo disco di un artista di Chicago di nome Chancelor Bennett aka Chance The Rapper.

La Chicago è la stessa che ha dato i natali anche a D-Wade, Dwayne Wade per il grande pubblico, si quello che l’anno scorso è tornato a casa dopo una carriera al fianco dei suoi Miami Heat. Due ragazzini di colore che ce l’hanno fatta, sono usciti da una delle più grandi conche di odio razzista che gli Stati Uniti possano “vantare” e hanno vinto l’odio.

Il ragazzo ci sa fare, il continuo alternarsi di Cielo e Terra in questo disco è una cosa veramente particolare.
Blessing è sostenuto interamente da cori gospel sui quali Bennett fraseggia in maniera dolce e delicata, parlando della sua fede e della sua infanzia e poi ci incalza con il rap di Mixtape, genuino e fatto di frasi taglienti e schiette che porta anche la collaborazione di Young Thug in questo disco già di per sè sopra le righe.

I colori di questo disco non finisco qui però: C’è il soul di Angels e quello di Same Drugs, c’è la disco-funk di All Night e l’R&B di Finish Line.
Il vero Pezzo cardine però è How Great: tre minuti di cori Gospel per introdurre il rap quasi parlato di Chance, quasi come un discorso a portare ancora la fede nel suo disco, a raccontarla come sa fare lui.

I colori di questo disco, e di questo artista in particolare, sono molti e la sua propensione alla mescolanza di generi è veramente spiccata e definita; lasciando nel Gospel rap una tracci decisamente più personale ed introspettiva, lasciando a questo disco un costante connubio tra Cielo e Terra che ci lascia una sensazione di grande purezza e sensibilità.

Exalt, Exalt, glorify
Descend upon the earth with swords
And fortify the borders where your shortage lie
I used to hide from God
Ducked down in the slums like “shhh

Chance The Rapper – How Great